Da Johanna e Frank Wahlig

KOLLATERAL | La direttrice scolastica

Abbiamo iniziato con il video “Il Giornalista” su Boris Reitschuster, che ha subito raggiunto 500.000 visualizzazioni. È prevista l’uscita di un cortometraggio della serie KOLLATERAL ogni due settimane.

Destini che inducono alla riflessione, inquietanti e commoventi, di persone che soffrono sotto mandati politici, sono stati pubblicati per la prima volta sotto il nome di “danni collaterali” su reitschuster.de . Queste storie possono ora essere viste in cortometraggi intitolati “KOLLATERAL”. Nel secondo episodio, l’ex preside Bianca racconta come ha perso il suo lavoro e la sua foto sulla bacheca fotografica della scuola: “Masked over!”

La direttrice scolastica

C’era una volta una direttrice in una scuola della Bassa Sassonia. Il suo nome e il suo titolo di lavoro sono stati rimossi dagli elenchi della scuola e la sua foto dalla bacheca fotografica. ” Lo vedono tutti i bambini, tutti i genitori, tutti gli insegnanti”, dice Bianca, “amaramente”. La 44enne è in congedo per malattia. Non le è permesso di entrare nella scuola. Il custode ha rimosso tutte le sue cose dal suo vecchio ufficio. Così come anche le cose del marito dal suo armadio e un quadro dipinto da sua figlia.

Durante le riprese di un film in estate, Bianca ha detto della sua scuola: “La mia scuola, la mia passione”.

Questa scuola non è più sua, non è più la sua “passione”.

Fai domande e perdi il tuo lavoro!

Durante il lock-down, Bianca visita di nuovo la sua scuola, accompagnata dalla nostra telecamera. “Ho l’impressione che non dovrei essere qui. Strano”. Perché? La scuola è chiusa. Non ci sono bambini, non ci sono colleghi, non c’è pericolo. Il bidello suona l’allarme e informa l’assessore del personale. L’assessore del personale e il suo marito arrivano e filmano gli ospiti non invitati, per “proteggere” la scuola dalla direttrice. Questa è l’ultima volta che visita la scuola.

Bianca ha fatto qualcosa che una volta era compito delle persone responsabili, insegnanti, medici, giornalisti: Ha messo in discussione tutti i mandati, le nuove paure, i presunti pericoli. Ha chiesto apertamente: È giusto tutto questo? Fa male ai bambini, serve a qualcosa?

I colleghi di Bianca hanno riferito il suo malizioso scetticismo. La conseguenza: È diventata una “ex” preside. È stata “esonerata dal lavoro”, come si suol dire.

“Abbiamo bisogno di queste persone!“

Come procedere con scetticismo? Bianca ha usato il suo tempo per pensarci… e per prendere una decisione. Ha iniziato a contattare altri presidi ed educatori e a creare rete. E sono molto più di quanto il consiglio scolastico vorrebbe. E questo dà a Bianca la forza e la certezza di aver fatto la cosa giusta. Ha perso il lavoro perché ha fatto domande critiche, niente di più. Migliaia di persone l’hanno contattata. Si organizzano, si incontrano, si informano e si sostengono a vicenda. Hanno lanciato un sito web: Presidi per la delucidazione

Innumerevoli presidi di scuola, dalla Germania, dalla Svizzera, da Israele hanno preso contatto. Bianca è fiduciosa: “Abbiamo bisogno di queste persone che sono disposte a procedere in questo modo. Un giorno avremo di nuovo una scuola per i bambini”.

Appendice: la foto di Bianca all’ingresso della scuola di Celle è stata coperta da un adesivo “Democrazia viva”. Un’iniziativa a cui aveva partecipato l’ex preside. È così che si cancella la memoria su piccola scala. I romani lo chiamavano “damnatio memoriae”.

Non ci riusciranno.

La serie di filmati “KOLLATERAL” fornisce un piccolo contributo a questo.

In questo modo, dopo nessuno potrà dire: “Non ne sapevamo niente!“

Link corrispondente su reitschuster.de 

Traduzione Simonetta Soldo

Quanto è stato utile questo post?

Cliccate su una stella per valutarla!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Nessun voto per ora! Sii il primo a valutare questo post.

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?