(Teoria) pratica del complotto

di Prof. Harald Wallach


Teorie del complotto nella crisi Corona

Teorie

“Non c’è niente di più pratico di una teoria”, sembra abbia detto Einstein. Che sia reale o ben inventato, questo detto è buono. In questo blog, voglio quindi fare luce sulla funzione delle teorie, nella scienza normale, ma anche nella crisi dovuta al Covid-19, dove – Dio ce ne scampi – si inveisce gridando “teoria del complotto!“.

Allora qual è il lato “pratico” di una teoria? Le teorie in senso lato guidano la nostra percezione. Esprimono ciò che ci aspettiamo sulla base delle nostre conoscenze precedenti. La teoria quotidiana secondo la quale il sole sorge a est e tramonta a ovest è un’esperienza completa. Riunire le esperienze precedenti in un’aspettativa su cui agire è utile o, per usare il termine di Einstein, pratico. Perché ci risparmia di dover sviluppare tutto da capo. La percezione senza teoria difficilmente funziona, o almeno solo in stati di coscienza particolarmente purificati. Husserl, il fondatore della fenomenologia, ha parlato della necessità di lasciare andare tutti i nostri preconcetti (cioè le “teorie”) se vogliamo percepire la realtà così com’è [1]. Questo è un nobile appello, che viene anche fatto ripetutamente dalle tradizioni di meditazione spirituale: lasciare andare il condizionamento mentale per percepire completamente nel momento ciò che è. Se meditate molto, ci riuscite di tanto in tanto. Ma sarebbe troppo faticoso farlo sempre. Siamo anche degli esseri storici e raggruppiamo la nostra esperienza – individuale e culturale – in modelli interni del mondo. Nella scienza, tali modelli sono chiamati “teorie”.

Ecco perché non dobbiamo sperimentare ogni volta se un bicchiere che lasciamo cadere si romperà su un pavimento di pietra. Semplicemente lo sappiamo. Nella scienza, le teorie mettono insieme sistematicamente le esperienze fatte. In fisica, per esempio, la teoria di Newton raggruppava sia l’esperienza che le mele cadono dall’albero e che le palle di cannone seguono una traiettoria parabolica (e non volano dritte), e i pianeti orbitano intorno al sole. Qui succede qualcosa di interessante: diverse aree di fenomeni – mele che cadono, palle di cannone sparate, pianeti nello spazio – sono combinate sotto un unico modello e quindi spiegate in modo molto parsimonioso.

La parsimonia rallegra lo studioso da quando William Ockham (Fig. 1) che aveva formulato il suo principio di parsimonia intorno al 1318 nelle sue lezioni di Oxford sul commento alle sentenze di Petrus Lombardus, in realtà un assioma che lui non ha mai sostanziato, ma che in qualche modo ha senso: “Non si devono assumere entità oltre il necessario – (“quia pluralitas non est ponenda sine necessitate”) perché non si deve esigere una molteplicità [di entità] senza necessità”, dice una variante classica [2, p. 59]. Da quando Ockham ha formulato questo principio di parsimonia, noto anche come “Rasoio di Ockham”, è stato uno dei principi guida della scienza: una teorizzazione parsimoniosa che se la cava con il minor numero possibile di costrutti teorici.

Ecco perché la teoria di Newton era così brillante. La fisica l’ha affinata. Sia la teoria dei quanti che la teoria della relatività consistono in poche equazioni che uniscono un’enorme quantità di fenomeni individuali sotto il loro ombrello. E soprattutto: tali teorie permettono una quantità molto grande di previsioni spesso completamente controintuitive. La teoria quantistica, per esempio, ha permesso la predizione di stati entangled, cioè correlati, senza la mediazione di segni causali, il che può certamente essere generalizzato oltre le situazioni strettamente fisiche [3].


Illustrazione 1 – Un disegno a penna e inchiostro di William Ockham, da un manoscritto di Oxford; probabilmente il primo ritratto in assoluto di un filosofo.

Le teorie raggruppano quindi le esperienze individuali e mappano una struttura sottostante. Questa struttura è ovviamente sempre ipotetica. La teoria quantistica è una struttura matematica ipotetica, che è utile finché può essere confermata empiricamente, finché fa nuove previsioni e finché può essere usata per descrivere bene certe aree della realtà. Le teorie non sono vere o false. Sono utili, confermate o smentite, o nella maggior parte dei casi utili in alcuni settori e meno utili in altri. La teoria della relatività è utile per comprendere le dimensioni cosmiche dello spazio-tempo, ma è abbastanza irrilevante nella nostra vita quotidiana.

Nella mia prima materia, la psicologia, che è ancora una scienza molto giovane, c’è una moltitudine di teorie. Queste spesso si contraddicono e addirittura si escludono a vicenda. A volte si completano a vicenda. A volte si nota il complemento solo al secondo sguardo e dopo qualche tempo. Esempio: La teoria psicoanalitica introdotta da Freud si basa sugli impulsi inconsci. Si dice che siano le funzioni di controllo del nostro comportamento. La teoria dell’apprendimento presuppone anche processi che sono automatici, come il condizionamento classico. Ma rifiuta il concetto di un inconscio dinamico. Per decenni si è discusso su chi avesse la teoria migliore. Quando ero studente alla fine degli anni ’70 e ’80, era dottrina standard degli istituti di psicologia dire che la psicoanalisi fosse una sciocchezza. L’ho creduto anch’io per molto tempo. Finché non ho iniziato a lavorare e a livello pratico mi sono reso conto che costrutti come i traumi che agiscono inconsciamente, le colorazioni emotive preconsce, sono utili per comprendere il comportamento. Il tenore scientifico oggi è più propenso ad accettare l’esistenza di processi inconsci perché sono stati provati anche neuroscientificamente, perché il condizionamento funziona anche inconsciamente, e a che clinicamente una ricostruzione rivolta più al passato e un’analisi del comportamento legato al presente non debbano escludersi a vicenda.

Le teorie possono quindi a volte, anche se sono apparentemente contraddittorie, a un certo punto incrociarsi, convergere e forse fondersi in una nuova teoria. Questa fusione non è ancora per esempio avvenuta nella fisica, dove la teoria della relatività e la teoria dei quanti sembrano essere slegate l’una dall’altra. Aspettiamo con interesse l’ulteriore sviluppo teorico, perché questo aprirà nuove possibilità [4].

Teorie nella pandemia „Covid“

Le teorie nella scienza sono spesso numerose e in competizione. Questa competizione è utile e necessaria. Perché porta oltre. Se la psicoanalisi non si fosse dovuta confrontare con la teoria comportamentale, avremmo avuto una psicologia molto unilaterale e probabilmente anche poco utile dal punto di vista dei fatti. La pluralità di teorie riflette la diversità delle prospettive.

Ho notato fin dall’inizio della crisi „Covid“ che una pluralità di opinioni, per non parlare delle teorie, è stata “bandita” durante la pandemia. Non per decreto esplicito, ma per marchio pubblico. La narrazione ufficiale del virus assassino doveva essere mantenuta pura: questo è appena uscito dalla natura, è scoppiato su di noi e deve essere combattuto con tutte le forze, specialmente con l’isolamento e la vaccinazione. Chiunque sfidava questa narrazione, ponendo domande, o anche spiegazioni alternative, era un ” complottista “. Il termine “teoria del complotto” è un codice cifrato per impedire un pensiero. Denota l’idea che ciò che vediamo e il modo in cui viene generalmente interpretato – dalla stampa, dai politici, da molti professionisti e dall’esecutivo – non rappresenta l’intera realtà. Denota anche l’indisponibilità a credere a questa narrazione. E così determina una certa forma di deviazione sociale. Questo è stato comunicato molto rapidamente: chiunque sia un complottista è stupido, di destra, tende ad essere maligno, perché potrebbe essere un pericolo per gli altri. Nessuno vuole questo. Quindi è meglio non avere una teoria del complotto. Ma solo l’unica, vera, reale teoria. All’interno di questo, ci sono anche alcune piccole varianti e deviazioni. Ma il grande divario corre tra l’idea che delle persone si siano riunite dietro le quinte, con intenzioni malvagie, e l’idea che non c’è modo che una cosa del genere possa accadere. Perché se fosse così, allora tutti i nostri politici, gli intelligenti redattori dei giornali e della televisione, le persone intelligenti della Leopoldina (La più antica società scientifica e medica del mondo di lingua tedesca e la più antica accademia di scienze naturali permanentemente esistente nel mondo) o non sarebbero così intelligenti come pensiamo, o sarebbero stati in qualche modo ammaliati da un trucco e non vogliono ammetterlo. Dopo tutto, a chi piace ammettere di essere stato ingannato?

Vorrei ora invitarvi a mettere da parte tutti i divieti di pensiero e a considerare quale modello teorico si adatta meglio per capire cosa è successo nella pandemia. La mia ipotesi è che sia un amalgama di diversi modelli che si adatta meglio. Ma aspettiamo e vediamo.

Il termine teoria del complotto

Il termine “teoria del complotto” è un termine più vecchio, ma di solito viene menzionato in relazione a un documento della CIA, il Dispatch 1053-960. Questo documento fu inviato dalla CIA a tutti i suoi agenti e operatori. Il suo contenuto era come contrastare le critiche del Rapporto Warren. Il Rapporto Warren era il rapporto investigativo ufficiale della Commissione Warren sull’assassinio di John F. Kennedy e concludeva che Lee Harvey Oswald era un assassino solitario che aveva ucciso il presidente e che altre ipotesi erano false e improbabili. Sfortunatamente, Lee Harvey Oswald non poteva più essere interrogato, perché era stato ucciso poco dopo il suo arresto. La storia è descritta in modo molto dettagliato da Talbot [5]. In generale, questo libro – “La scacchiera del diavolo” – può essere raccomandato a tutti coloro che vogliono capire i complotti e le teorie corrispondenti, specialmente a coloro che credono che tali complotti sono solitamente falsi. L’analisi di Talbot mostra in modo convincente che la storia presentata dal Rapporto Warren non regge per diverse ragioni.

Il dispaccio 1053-960 aveva il compito di istruire gli agenti di tutto il mondo a lavorare per dissipare i dubbi sulla teoria del Rapporto Warren: influenzando la stampa, l’opinione pubblica, i politici, proprio chiamando “teoria del complotto” tutto ciò che vi si oppone. Da allora, chiunque esprima una tale teoria è considerato bruciato. E nessuno nella stampa legittima vuole questo, e certamente nessun politico. Quindi, il richiamo o l’accusa “teoria del complotto!” è il mezzo più collaudato per escludere le opinioni dissenzienti o restringere le teorie: ad una sola, cioè l’opinione prevalente.

È interessante notare che questa azione non ha avuto molto successo con il Rapporto Warren. Fino a ben dopo il 2015, la maggioranza degli americani era convinta che Oswald non fosse il perpetratore solitario come ritratto nel rapporto, ma che probabilmente avesse dei complici (https://www.sc.edu/about/offices_and_divisions/research/news_and_pubs/caravel/archive/2019/2019_doubt.php; https://www.history.com/news/9-things-you-may-not-know-about-the-warren-commission). Forse non sapremo mai la verità, forse solo in futuro quando usciranno più dati dagli archivi. Ma l’esempio dimostra: Il termine “teoria del complotto” è un divieto di pensiero imposto dall’alto. E questo non sempre funziona bene, soprattutto quando è usato per coprire una bugia.

Per classificare bene le teorie del complotto, è necessario distinguere tra le teorie che sono sbagliate e quelle che nominano aspetti corretti o sono addirittura corrette nel complesso. Non tutte le teorie sono sbagliate solo perché parlano di un complotto. E non tutte le teorie che credono che ciò che vediamo sia sempre sbagliato sono giuste. Avevo già fatto riferimento all’utilissimo libro dei miei colleghi Alan Schink e Andreas Anton, che differenziano bene questo aspetto [6].

Ci sono diversi buoni esempi di teorie del complotto assolutamente false che si sono dimostrate false: per esempio, la narrazione usata dai nazisti di una cospirazione mondiale ebraica, per la quale è stato evocato un documento falsificato dei “Saggi di Sion”, o altre idee strampalate come quella che gli alieni si fossero già infiltrati.

Es gibt eine Reihe halb wahrer Theorien. Dass hin und wieder Versuche zur Beeinflussung des Wetters gemacht wurden, kann man in der wissenschaftlichen Literatur lesen [7]. Dass daher alle Kondensstreifen

Ci sono un certo numero di teorie semi-veritiere. Che siano stati fatti dei tentativi di tanto in tanto per influenzare il tempo si può leggere nella letteratura scientifica [7]. Che tutte le scie degli aerei siano quindi “chemtrails” che spingono qualche tipo di sostanze tossiche nell’atmosfera è certamente un’esagerazione. Questo sarebbe un esempio di una teoria del complotto con un nucleo vero, ma un’aura ampiamente falsa.

Ci sono molti esempi di teorie del complotto che sono state inizialmente trattate come tali ma che si sono rivelate corrette, o di complotti che non erano nemmeno conosciuti come tali ma che erano comunque efficaci. Uno ben noto della storia recente è il patto Hitler-Stalin, che conteneva un protocollo aggiuntivo segreto che prometteva parti della Polonia all’Unione Sovietica. Un altro esempio è la teoria che fu un'”operazione false flag” dei nazisti [8] per dare la colpa dell’incendio del Reichstag (parlamento tedesco) nel 1933 a presunti “complottisti ebrei”. Infatti, con questa falsa accusa, i nazisti crearono le basi per la Legge di Abilitazione del Reich, cioè le Leggi di Emergenza, con le quali Hitler poté poi governare in modo abbastanza indiscutibile, anche se la costituzione vera e propria non fu mai sospesa. Una nota cospirazione che non aveva bisogno di alcuna teoria fu l’assassinio di Cesare, preceduto da una lunga preparazione e da colloqui clandestini.

Le cospirazioni avvengono anche nella Repubblica Federale Tedesca. Il famoso “Celler Loch”, l’esplosione di un muro nella prigione di Celle in modo che i membri imprigionati della RAF potessero fuggire, è stato inizialmente attribuito alla sinistra. In realtà, come si è scoperto più tardi, è stato lo stesso servizio di intelligence a lanciare questa azione. Sempre negli USA: i tentativi segreti della CIA di “controllo mentale”, MK-Ultra, sono stati considerati una “teoria del complotto” per molto tempo, finché non sono stati poi storicamente ben analizzati e provati. Anche qui, molto si può leggere in Talbot [5] o Anton e Schink [6], Ganser e altri [9, 10].

O ricordiamo le cospirazioni più recenti: La “bugia dell’incubatrice”, che è stata messa in scena dalla stessa agenzia che ha anche organizzato parti della campagna di PR per l’accettazione della strategia Covid-19 dell’OMS negli USA [11p. 283]. Lì, una presunta donna del posto aveva riferito come i soldati iracheni avessero tolto i bambini dalle incubatrici in Kuwait e li avessero uccisi. La storia ha fatto salire le emozioni, la popolazione era pronta per la prima guerra del Golfo. In seguito, si è scoperto che la storia era una bugia. La presunta infermiera era la figlia dell’ambasciatore del Kuwait negli USA.

Questo esiste anche nel campo medico: l’industria del tabacco, e più tardi quella del petrolio, hanno sempre cercato di ingannare il pubblico attraverso le stesse persone e gli stessi meccanismi [12]. Ho spesso fatto riferimento a Peter Gøtzsche, che nei suoi libri cita un sacco di prove di come le grandi aziende farmaceutiche hanno deliberatamente, consapevolmente e molto volutamente ingannato il pubblico, le autorità, i consumatori finali sui problemi dei loro prodotti. La “hall of fame” dei truffatori di Gøtzsche è guidata da Pfizer. La società ha pagato la più alta multa di sempre per aver mentito, corrotto le autorità, fatto false dichiarazioni e coperto pericolosi effetti collaterali: 2,9 miliardi di dollari nel 2009 [13, p. 25]. Qui non si tratta di teorie di complotto, ma di veri e propri complotti.

Il mio punto è: la frase “teoria del complotto!” non è altro che una sciocchezza. Perché implica il divieto di pensare. Spesso le teorie del complotto sono stupide e sbagliate. Ma spesso hanno anche ragione. E in molti casi sono un misto. Più inverosimile è il complotto, più difficile è andare a fondo, e le “prove”, come nel caso degli esperimenti MK-Ultra della CIA, spesso diventano visibili solo decenni dopo, quando gli archivi vengono aperti o coloro che sono al potere hanno perso l‘interesse alla segretezza.

Covid – Complotto?

Ed è proprio perché ho seguito per anni tutti questi retroscena che ora sono abbastanza incline a vedere la crisi del Covid come un complotto piuttosto che una coincidenza e la reazione ben educata dei politici a una catastrofe. Non vedo l’intero schema e potrebbe anche essere una miscela molto complessa di coincidenza e intenzione. Come ho detto, una teoria è un modo di ordinare le percezioni, le esperienze, le impressioni sensoriali. Bisogna aggiustarla quando appaiono nuovi dati. Bisogna scartarla quando emergono chiare prove del contrario. E soprattutto, bisogna avere abbastanza tolleranza per l’ambiguità da non correre in una direzione e dimenticare tutto il resto.

Qui, in forma tabellare, è il mio pensiero ad alta voce ovvero per iscritto su ciò che parla a favore e contro un complotto o come i fenomeni possono anche essere visti. Questa lista non è certamente completa e in alcuni aspetti forse anche dovuta alla mia mancanza di immaginazione o di pregiudizi, ma forse ispirerà modelli migliori.

FenomenoSpiegazione convenzionaleSpiegazione complotto
SARS-CoV2 ha un sito di scissione della furina che non si verifica in questo tipo di virus in natura nei pipistrelli, rendendolo pericoloso per gli esseri umani (14-16)Mutazione casuale con probabilità a priori molto bassaInseriti o creati dal passaggio in laboratorio in linee cellulari umane
La Eco-Health Alliance di Peter Daszak, un partner stretto del laboratorio di Wuhan, ha a lungo finanziato la ricerca sul virus corona a Wuhan con denaro proveniente dagli Stati Uniti (DARPA, NAID), esternalizzando la ricerca che era stata vietata negli Stati Uniti [11, 17].Beh, questo può succedereÈ stata condotta una ricerca mirata e deliberata sull’evoluzione dei virus patogeni da ceppi di virus corona
Ancora prima che l’ipotesi del laboratorio diventasse rumorosa, è stata fortemente contrastata dalla crème de la crème dei virologi [18, 19].Si voleva evitare il panicoSi voleva coprire il possibile incidente di laboratorio
Tuttavia, tutte le persone coinvolte ne erano a conoscenza; questo è stato provato da documenti declassificati [17]OccultamentoOccultamento, bugia

Bill Gates ha investito in BioNTech già dall’autunno 2019

Fiducia nella tecnologia


La tecnologia deve essere disponibile in tempo; coinvolgendo una piccola azienda tedesca con know-how, la tecnologia può essere esportata negli USA e allo stesso tempo Angela Merkel essere soddisfatta
Dal 2001 tutta una serie di giochi di simulazione sta preparando il mondo a un’emergenza; nella pandemia Corona si stanno eseguendo esattamente le azioni ivi specificate [20].Grazie a Dio eravamo ben preparatiAttraverso briefing dettagliati e ripetuti, sono stati messi in pratica i meccanismi necessari
Fin dall’inizio della crisi, la parola della vaccinazione liberatrice è stata ripetutaPerché è proprio cosìPerché l’introduzione della nuova tecnologia di vaccinazione era l’obiettivo effettivo
Bill Gates ottiene circa 7 minuti nel programma statale serale del 12.4.2020 per spiegare come la vaccinazione può sconfiggere Corona: quando avremo vaccinato 7 miliardi di persone, la crisi sarà finitaHa ragione ed è un uomo che se ne intende beneGates ha ottenuto il potere di esprimere la sua opinione sulla rete pubblica attraverso molte donazioni a tutti i tipi di media e fondazioni.
Gates ha ottenuto il potere di esprimere la sua opinione sulla rete pubblica attraverso molte donazioni a tutti i tipi di media e fondazioni.Perché è cosìPerché l’obiettivo era quello di introdurre questi nuovi vaccini
I farmaci mRNA esistono da circa 20 anni; non sono mai arrivati all’approvazione normativa perché la dose del prodotto finale che producono non può essere controllataOra la pandemia ha cambiato la situazioneSolo una situazione globale senza via d’uscita riesce a far passare queste sostanze attraverso l’approvazione d’emergenza
Le approvazioni di emergenza per nuovi vaccini sono legalmente possibili solo se non ci sono opzioni di trattamento disponibiliÈ esattamente così: non c’è nessunoCi sono molte opzioni di trattamento precoce [21], ma queste sono state eliminate o rese irrilevanti da abile misure amministrative e da misure di PR
I vaccini mRNA usano nanoparticelle come trasportatori, che di per sé non hanno l’autorizzazione alla commercializzazione perché sono tossici [22].Nella pandemia le cose cambianoSenza una pandemia, non sarebbe mai stato possibile immettere tali sostanze sul mercato
Ben presto in tutti gli studi di efficacia di fase 3 è stato rivelato ai partecipanti e/o al team dello studio quale trattamento il partecipante ha ricevuto durante lo studio [23, 24].Siamo in una situazione eccezionale, non si vuole privare le persone del gruppo placebo dalle sostanze efficaciQuesto è l’unico modo per mascherare potenziali problemi di effetti collaterali e coprire l’inefficacia a lungo termine
Tutti i riferimenti a possibili problemi della vaccinazione – effetti collaterali, decessi – sono combattuti molto ferocemente [per esempio 25, 26, 27].Non è bene che la gente venga irritataLo scarso profilo di efficacia e di effetti collaterali dei vaccini è un tallone d’Achille che deve essere nascosto il più a lungo possibile
Un direttore di una assicurazione sanitaria aziendale che dice pubblicamente di vedere nei suoi dati molti effetti collaterali dei vaccini Covid-19 viene licenziato in tronco senza preavviso.Se lo è meritatoVedi sopra
Nonostante l’approvazione d’emergenza dei vaccini, non ci sono requisiti normativi per condurre uno studio di monitoraggio della sicurezza a lungo termine.E allora? Non ne abbiamo bisognoQuesto è l’unico modo per celare i potenziali effetti collaterali il più a lungo possibile
Anche se il tasso di fatalità dell’infezione da SARS-CoV2 non è molto diverso da quello di una influenza grave, lo stato di emergenza persiste – anche molto tempo dopo che questo è noto – e si discute sulla vaccinazione obbligatoria [28].Perché altri fattori – prevenire la diffusione, prevenire i corsi gravi e alleviare il peso sul sistema sanitario – sono importantiSolo se si lascia che la gente senta gli effetti abbastanza a lungo, acconsentirà alla vaccinazione
Nonostante i dati siano sbagliati, gli scienziati sostengono che l’isolamento era necessario [29-31].Pazienza, si sono sbagliatiSenza i lock-down, non ci sarebbe mai stata così tanta pressione per poter presentare la vaccinazione come la soluzione senza alternative.
Anche se in singoli ospedali sono state riscontrate delle congestioni: ma a livello di tutti gli ospedali e di tutte le unità di terapia intensiva, nel 2020 non ci sono state congestioni [32, 33].Senza i lock-down ce ne sarebbero potute essereSolo il parlare di sovraccarico del sistema ha permesso – legalmente e politicamente – di presentare la vaccinazione come salvezza
I lockdown sono state misure inefficaci [34, 35].Ma non lo sapevamoHanno contribuito a spaventare la gente in modo che si preparasse alla vaccinazione
C’è poco da dire sull’effetto protettivo delle mascherine, ma relativamente molto da dire contro il loro uso, tranne che in situazioni ad alto rischio [36-38]; tuttavia, stanno diventando sempre più un obbligo in tutti i tipi di situazioniMeglio prevenire che curare – e , dopo tutto, forse servono a qualcosaLe mascherine sono un nocebo perfetto: sono un ricordo costante del pericolo imminente [39].
Fin dall’inizio della pandemia, le cifre ufficiali sono state riportate in modo non standardizzatoÈ importante che la gente capisca quante infezioni avvengonoSolo attraverso un reporting non standardizzato si può generare sufficiente paura
Nella crisi Corona, sono sorti molto rapidamente meccanismi di conteggio estremamente funzionali (dashboards) che erano ben finanziati e preparati da molto tempoGrazie a Dio qualcuno ci ha pensato a tempoSenza questa visibilità, non ci sarebbe nessuna pandemia [40].
Ben presto, sono state fornite strutture per i test [41]Senza i test saremmo rimasti al buioErano essenziali per il funzionamento della macchina pandemica
I test sono ipersensibili e piuttosto non specifici [42].Non si vuole tralasciare nullaQuesto è l’unico modo per gestire il numero di casi (verso l’alto).
Solo attraverso i test si è ammessi a certe attivitàBisogna rompere le catene dell’infezioneQuesto è l’unico modo per esercitare una pressione sufficiente e generare la paura necessaria
Le app di tracciamento e di localizzazione sono utilizzate ovunque nel tentativo di rintracciare le fonti di infezione.Perché è l’unico modo di controllare il tuttoPerché questa è una buona preparazione e un buon ammaestramento per altre procedure di controllo
Tra il 2010 e il 2019, varie fondazioni e ONG hanno investito miliardi per preparare i governi, la stampa, le università e altre organizzazioni per una pandemia; a partire dal 2019 e durante la pandemia, questi contributi delle fondazioni sono stati molto modesti [11]La preparazione era importanteLa preparazione era lo scopo dell’esercizio; perché con l’influenza suina nel 2008, la campagna di vaccinazione fu un flop
Tutti i governi hanno promesso ai produttori di vaccini l’esenzione dalle richieste di risarcimento danni, assumendosi così la responsabilità [11]È giusto che sia così, perché i governi volevano i vaccini.Solo in questo modo si può calcolare chiaramente il profitto e socializzare il rischio
Una gran parte della popolazione crede alla narrazione ufficiale, è disposta a vaccinarsi e asseconda tutto più o meno volentieri; una netta minoranza, invece, rimane stabilmente contraria [43]La maggioranza di solito è più intelligente della minoranza.Alcuni sono attenti o sospettosi
Le promesse di liberazione attraverso la vaccinazione sono cambiate di volta in volta: prima una vaccinazione, poi due, poi tre, poi forse di continuo?Non si poteva saperlo primaSi poteva sapere, era intenzionale e promuove il modello di impresa
La vaccinazione non previene l’infezione e la sua riduzione del rischio assoluto per gli esiti clinici reali (malattia grave, morte) non è nota perché non è stata studiata in studi randomizzati, ed è probabilmente molto bassa [24, 25, 44, 45]; tuttavia, la vaccinazione obbligatoria continua ad essere discussa politicamenteIn generale la vaccinazione obbligatoria è utileSolo la vaccinazione obbligatoria può coprire i problemi della vaccinazione e promuoverla
I decessi associati alla vaccinazione Covid 19 superano di almeno un fattore 100 quelli di tutte le altre vaccinazioni standardizzate allo stesso tempo [46].È da accettareQuesta è una delle ragioni per cui l’intera faccenda è stata coperta per così tanto tempo
Anche se è noto da relativamente molto tempo che esiste un’immunità incrociata al virus corona in una grande percentuale della popolazione, cioè che non tutti possono essere sempre infettati, questa informazione non è mai stata trasmessa o presa in considerazione nel dibattito.Perché c’è sempre un certo numero di persone che è vulnerabileQuesto era l’unico modo per mantenere il mito della minaccia e della disperazione della situazione senza vaccinazione
L’opinione pubblicata (radio, televisione, giornali) era relativamente unanime; contro-opinioni si sentivano praticamente solo nei media alternativi – spesso dubbiosiPerché nei media di qualità si trovano le persone più intelligenti.I media ufficiali funzionano principalmente in modo sistemico e sono guidati soprattutto da ciò che è lecito pensare [47].
Ben presto la critica alla narrazione ufficiale non poteva essere espressa senza che coloro che la esprimevano venissero denigrati come “contrari”, “negatori Corona”, “pettegolezzi” o altro; e in effetti, a volte erano anche soprattutto i gruppi politici estremi a esprimere la critica in modo particolarmente forteEsatto, bisognava trovare una linea di condotta comune.Solo emarginando, rendendo invisibile e denigrando la critica come teoria del complotto è stato possibile mantenere la sovranità dell’interpretazione
Un esercito di controllori elettronici e umani mantiene pulita la narrazione ufficialePerché è importante che non vengano diffuse informazioni errateIl controllo dell’opinione pubblica è centrale per la credibilità; perciò, gruppi corrispondenti sono stati favoriti presto e misure corrispondenti sono state richieste e praticate da tutti i giochi di simulazione
Siamo al terzo anno della pandemia: il mondo occidentale è vaccinato almeno al 70%; i vaccini non stanno facendo quello che avevano promesso di fare; le varianti del virus stanno diventando sempre meno preoccupanti. Eppure il mondo non sta uscendo dalla modalità pandemicaSarà possibile, soltanto quando il Covid-19 sarà completamente sconfittoNon si tratta della pandemia; si tratta di vendere più vaccini possibili o di controllo o di entrambi
Molte opportunità di partecipazione – viaggiare, andare ai concerti o al ristorante – a seconda del paese non sono possibili per le persone non vaccinateÈ giusto così, che si facciano vaccinare.Questo è l’unico modo per rompere la resistenza residua e/o installare una procedura di controllo appropriata (greenpass)
Da qualche tempo, i bambini vengono aggressivamente corteggiati per essere vaccinati, anche se loro stessi hanno solo un basso rischio di contrarre la malattia.I bambini possono infettare altriSolo se anche i bambini vengono vaccinati si può aumentare il numero

Alla ricerca di una teoria adeguata

La caratteristica di una buona teoria è che spiega bene tutti i fenomeni e questo nel modo più parsimonioso possibile. Non ho una tale teoria. La narrazione ufficiale è indubbiamente parsimoniosa. Ma copre sufficientemente bene tutti i fenomeni? Non credo. Può esserci stato uno stupido incidente, che è stato poi utilizzato in modo estremamente intelligente da alcuni giocatori. I lunghi preparativi attraverso i giochi di simulazione sono venuti in soccorso. E improvvisamente tutti i meccanismi che conosciamo scattano al loro posto. Quanto è plausibile supporre che fondazioni e ONG, che sono allo stesso tempo strettamente legate all’industria farmaceutica, investano decine di miliardi per un intero decennio in progetti che dovrebbero preparare il mondo alle pandemie e ai modelli comportamentali corrispondenti, per poi interrompere questi finanziamenti nel momento stesso in cui arriva la pandemia? Nel suo nuovo libro, Röper scompone i dati rilevanti in modo molto preciso [11]. La conclusione di questo lavoro è questa: si trattava di installare questa vaccinazione fin dall’inizio perché apre un nuovo modello di impresa e forse anche un nuovo modello di società. La versione minima e parsimoniosa di una teoria è quella di un incidente di laboratorio, che poi innesca tutti i meccanismi in modo praticamente automatico, per cui non serve molta pianificazione. Questo modello ha il vantaggio che non ci sono cattivoni in agguato dietro le quinte, eccetto i ricercatori di laboratorio che hanno fatto un pasticcio con le loro ricerche militari e che devono essere sottoposti a un controllo più severo, come chiedono ora anche gli scienziati tedeschi. Tuttavia, questa teoria è contraddetta da fatti più recenti: Che la pandemia non sia stata dichiarata finita, anche se il dramma si è raffreddato Che la vaccinazione viene spinta anche se ha effetti collaterali estremamente alti rispetto ad altre vaccinazioni Che criticare la vaccinazione e sottolineare i suoi effetti collaterali equivale a una lesa maestà Che c’è poca differenza almeno nelle risposte degli stati occidentali La vaccinazione dei bambini viene pubblicizzata in modo molto aggressivo. Per queste e altre ragioni, non credo che questa variante sia abbastanza forte. La narrazione ufficiale non è (più) sostenibile per me. Dopo tutti i fenomeni elencati e la debolezza delle spiegazioni convenzionali, si può ancora credere alla narrazione ufficiale? Una attivista israeliana, Avital Livny, che gestisce un sito web con testimonianze video di vittime di vaccinazioni in Israele, il Testimonies Project, ha detto recentemente nel Grand-Jury che esamina la probabilità di un complotto in forma legale, al giorno 4: “In Israele, la differenza tra realtà e teoria del complotto è di 6 mesi”. Una ” Plandemia “, cioè un’azione pianificata da tempo con lo scopo di introdurre un nuovo intervento medico, le vaccinazioni mRNA, sarebbe una teoria che fa sì che la maggior parte dei fenomeni siano facilmente comprensibili. Anche se non ci piace. Perché significa: la nostra élite politica è cieca o corrotta o dipendente o tutto quanto insieme, e la nostra élite intellettuale, salvo eccezioni, è ugualmente cieca e dipendente, o vedente ma codarda. Nemmeno questo è molto bello. La manifestazione della plutocrazia, cioè il dominio dei ricchi che governano in segreto e controllano le azioni dei politici attraverso fili molto privati, sarebbe un altro modello con un certo stato intermedio. Qui, forse, la causa scatenante sarebbe un incidente casuale. Ma poi molto rapidamente arrivano i circoli di beneficiari che si rendono conto che questo “incidente” può essere utilizzato in modo redditizio e cominciano a influenzare la politica di conseguenza. Questo modello intermedio è contraddetto dal fatto che alcune azioni centrali, come il coinvolgimento di Gates con le aziende corrispondenti, hanno avuto luogo molto prima dello scoppio della pandemia. Forse ci sono altre varianti che fanno apparire i nostri dirigenti politici sotto una luce migliore: che all’inizio, per esempio, credevano in un pericoloso germe di laboratorio che doveva essere combattuto a tutti i costi, e poi hanno rafforzato ulteriormente questa convinzione per non perdere credibilità, e ora l’intero circo ha preso una vita propria e devono lasciarlo continuare secondo le regole che hanno stabilito. Ci sono altri piani e idee? Il controllo delle masse per introdurre un nuovo metodo di fare affari, più online, digitale e tramite le grandi corporazioni? [48] Come si dovrebbe interpretare, per esempio, il fatto che attualmente – sostenuto da vari miliardari come Gates e Arsenault – l’OMS sta discutendo l’introduzione di un regime centrale di pandemia che sottoporrebbe in gran parte la sovranità degli stati nazionali in una pandemia ai dettami dell’OMS (e quindi al controllo burocratico antidemocratico), un procedimento che è finora unico nella storia dell’OMS? O ci sono altri obiettivi che ancora non vediamo, come per esempio mascherare il fiasco economico in cui si trova il nostro mondo? Forse attori diversi hanno obiettivi diversi che si intrecciano, cioè di mantenere la pandemia e la vaccinazione come salvezza? Non credo che siamo già in grado di definire la teoria valida. Ma penso che sarebbe opportuno che gli opinionisti smettessero di usare il termine “teoria del complotto” e facessero invece un discorso più aperto. Perché una teoria che rinuncia all’esistenza di un complotto di qualsiasi tipo non può spiegare abbastanza bene tutti i fenomeni. Almeno gli scrocconi che sono in attesa e che vogliono vendere i loro vaccini ne hanno bisogno. E questo è in effetti abbastanza complotto.

Quellen und Literatur

  1. Husserl E. Ideen zu einer reinen Phänomenologie und phänomenologischen Philosophie. Humburg: Meiner; 2009, orig. 1930.
  2. Ockham Wv. Quaestiones in III Librum Sententiarum. In: Kelley FE, Etzkorn GI, editors. Opera Theologica, Vol 6. St.Bonaventure: Franciscan Institute; 1982. p. 43-97.
  3. Atmanspacher H, Römer H, Walach H. Weak quantum theory: Complementarity and entanglement in physics and beyond. Foundations of Physics. 2002;32:379-406.
  4. Schwarzer N. The Theory of Everything: Quantum and Relativity is Everywhere – A Fermat Universe. Singapore: Jenny Stanford; 2020.
  5. Talbot D. The Devil’s Chessboard: Allen Dulles, the CIA, and the Rise of America’s Secret Government. London: Collins; 2015.
  6. Anton A, Schink A. Der Kampf um die Wahrheit: Verschwörungstheorien zwischen Fake, Fiktion und Fakten. München: Komplett Media; 2021.
  7. White DG, Mitchell WS, editors. Geoengineering: Technology and Governance, Assessments of Climate Engineering. New York: Nova Science Publishers; 2012.
  8. Sutton AC. Wall Street and the Rise of Hitler. Sudbury: Bloomfield Books; 1976.
  9. Ganser D. Imperium USA. Die skrupellose Weltmacht. Zürich: Orell Füssli; 2020.
  10. Ross CA. Bluedbird: Deliberate Creation of Multiple Personality by Psychiatrists. Richardson, TX: Manitou Communications; 2000.
  11. Röper T. Inside Corona: Die Pandemie, das Netzwerk und die Hintermänner. Die wahren Ziele hinter Corona. Gelnhausen: J-K Fischer; 2022.
  12. Oreskes N, Conway EM. Merchants of Doubt: How a Handful of Scientists Obscured the Truth on Issues from Tobacco Smoke to Global Warming. London: Bloomsbury; 2012, orig. 2010.
  13. Gøtzsche PC. Deadly Medicines and Organised Crime: How Big Pharma Has Corrupted Health Care. London: Radcliff; 2013.
  14. Ambati BK, Varshney A, Lundstrom K, Palú G, Uhal BD, Uversky VN, et al. MSH3 Homology and Potential Recombination Link to SARS-CoV-2 Furin Cleavage Site. Frontiers in Virology. 2022;2.
  15. Relman DA. Opinion: To stop the next pandemic, we need to unravel the origins of COVID-19. Proceedings of the National Academy of Sciences. 2020;117(47):29246-8. doi: https://doi.org/10.1073/pnas.2021133117.
  16. Coutard B, Valle C, de Lamballerie X, Canard B, Seidah NG, Decroly E. The spike glycoprotein of the new coronavirus 2019-nCoV contains a furin-like cleavage site absent in CoV of the same clade. Antiviral Research. 2020;176:104742. doi: https://doi.org/10.1016/j.antiviral.2020.104742.
  17. Kennedy Jr. RF. The Real Anthony Fauci. Bill Gates, Big Pharma, and the Global War on Democray and Public Health. New York: Skyhorse Publishing; 2021.
  18. Andersen KG, Rambaut A, Lipkin WI, Holmes EC, Garry RF. The proximal origin of SARS-CoV-2. Nature Medicine. 2020;26(4):450-2. doi: https://doi.org/10.1038/s41591-020-0820-9.
  19. Calisher C, Carroll D, Colwell R, Corley RB, Daszak P, Drosten C, et al. Statement in support of the scientists, public health professionals, and medical professionals of China combatting COVID-19. The Lancet. 2020;395(10226):e42-e3. doi: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(20)30418-9.
  20. Schreyer P. Chronik einer angekündigten Krise: Wie ein Virus die Welt verändern könnte. Frankfurt: Westend; 2020.
  21. McCullough PA, Kelly RJ, Ruocco G, Lerma E, Tumlin J, Wheelan KR, et al. Pathophysiological Basis and Rationale for Early Outpatient Treatment of SARS-CoV-2 (COVID-19) Infection. The American Journal of Medicine. 2021;134(1):16-22. doi: https://doi.org/10.1016/j.amjmed.2020.07.003.
  22. Ndeupen S, Qin Z, Jacobsen S, Estanbouli H, Bouteau A, Igyártó BZ. The mRNA-LNP platform’s lipid nanoparticle component used in preclinical vaccine studies is highly inflammatory. bioRxiv. 2021. Epub 2021/03/11. doi: https://doi.org/10.1101/2021.03.04.430128. PubMed PMID: 33688649; PubMed Central PMCID: PMCPMC7941620.
  23. Doshi P. Covid-19 vaccines: In the rush for regulatory approval, do we need more data? BMJ. 2021;373:n1244. doi: https://doi.org/10.1136/bmj.n1244.
  24. Tanveer S, Rowhani-Farid A, Hong K, Jefferson T, Doshi P. Transparency of COVID-19 vaccine trials: decisions without data. BMJ Evidence-Based Medicine. 2021:bmjebm-2021-111735. doi: https://doi.org/10.1136/bmjebm-2021-111735.
  25. Walach H, Klement RJ, Aukema W. The risk-benefit ratio of Covid-19 vaccines: Publication policy by retraction does nothing to improve it. Clinical and Translational Discovery. 2022;2(1):e35. doi: https://doi.org/10.1002/ctd2.35.
  26. Walach H, Klement RJ, Aukema W. Retracted: The Safety of COVID-19 Vaccinations—We Should Rethink the Policy. Vaccines. 2021;9(7):693. doi: 10.3390/vaccines9070693. doi: https://doi.org/10.3390/vaccines9070693.
  27. Walach H, Klement RJ, Aukema W. The Safety of COVID-19 Vaccinations — Should We Rethink the Policy? Science, Public Health Policy, and the Law. 2021;3:87-99. https://www.publichealthpolicyjournal.com/general-5
  28. Ioannidis JPA. The infection fatality rate of COVID-19 inferred from seroprevalence data. Bulletin of the World Health Organization. 2021;99:19-33F. doi: https://doi.org/10.2471/BLT.20.265892.
  29. Dehning J, Zierenberg J, Spitzner FP, Wibral M, Neto JP, Wilczek M, et al. Inferring change points in the spread of COVID-19 reveals the effectiveness of interventions. Science. 2020;369(6500):eabb9789. doi: https://doi.org/10.1126/science.abb9789.
  30. Dehning J, Spitzner FP, Linden M, Mohr SB, Neto JP, Zierenberg J, et al. Model-based and model-free characterization of epidemic outbreaks – Technical notes on Dehning et al., Science, 2020.
  31. Kuhbandner C, Homburg S, Walach H, Hockertz S. Was Germany’s Lockdown in Spring 2020 Necessary? How bad data quality can turn a simulation into a dissimulation that shapes the future. Futures. 2022;135:102879. doi: https://doi.org/10.1016/j.futures.2021.102879.
  32. Lausen T, van Rossum W. Die Intensivmafia: Von den Hirten der Pandemie und ihren Profiten. München: Rubikon; 2021
  33. Frank G. Der Staatsvirus. Ein Arzt erklärt, wie die Vernunft im Lockdown starb. Berlin: Achgut; 2021.
  34. Herby J, Jonung L, Hanke SH. A literature review and meta-analysis of the efffects of lockdowns on COVID-19 Mortality. Baltimore: Johns Hopkins Institute für Applied Economics, Global Health, and the Study of Business Enterprise, 2022.
  35. Kepp KP, Bjørnskov C. Lockdown Effects on Sars-CoV-2 Transmission – The evidence from Northern Jutland. medRxiv. 2021:2020.12.28.20248936. doi: https://doi.org/10.1101/2020.12.28.20248936.
  36. Kisielinski K, Giboni P, Prescher A, Klosterhalfen B, Graessel D, Funken S, et al. Is a Mask That Covers the Mouth and Nose Free from Undesirable Side Effects in Everyday Use and Free of Potential Hazards? International Journal of Environmental Research and Public Health. 2021;18(8):4344. doi: https://doi.org/10.3390/ijerph18084344.
  37. Kappstein I. Mund-Nasen-Schutz in der Öffentlichkeit: Keine Hinweise für eine Wirksamkeit. Krankenhaushygiene up2date. 2020;15(03):279-97. doi: https://doi.org/10.1055/a-1174-6591.
  38. World Health Organization (WHO). Mask use in the context of Covid-19. Geneva: WHO, 2020.
  39. Amanzio M, Howick J, Bartoli M, Cipriani GE, Kong J. How Do Nocebo Phenomena Provide a Theoretical Framework for the COVID-19 Pandemic? Frontiers in Psychology. 2020;11(2805). doi: https://doi.org/10.3389/fpsyg.2020.589884.
  40. Everts J. The dashboard pandemic. Dialogues in Human Geography. 2020;10(2):260-4. doi: https://doi.org/10.1177/2043820620935355.
  41. Corman VM, Landt O, Kaiser M, Molenkamp R, Meijer A, Chu DK, et al. Detection of 2019 novel coronavirus (2019-nCoV) by real-time RT-PCR. Eurosurveillance. 2020;25(3):2000045. doi:https://doi.org/10.2807/1560-7917.ES.2020.25.3.2000045.
  42. Borger P, Malhotra RK, Yeadon M, Craig C, McKernan K, Steger K, et al. External peer review of the RTPCR test to detect SARS-CoV-2 reveals 10 major scientific flaws at the molecular and methodological level: consequences for false positive results. Zenodo. 2020;4298004. doi: http://doi.org/10.5281/zenodo.4298004.
  43. Walach H, Ofner M, Ruof V, Herbig M, Klement RJ. Why do people consent to receiving SARS-CoV2 vaccinations? A Representative Survey in Germany. Research Square. 2022. doi: https://doi.org/10.21203/rs.3.rs-1216502/v1.
  44. Franco-Paredes C. Transmissibility of SARS-CoV-2 among fully vaccinated individuals. The Lancet Infectious Diseases. 2022;22(1):16. doi: https://doi.org/10.1016/S1473-3099(21)00768-4.
  45. Kampf G. The epidemiological relevance of the COVID-19-vaccinated population is increasing. The Lancet Regional Health – Europe. 2021;11:100272. doi: https://doi.org/10.1016/j.lanepe.2021.100272.
  46. Seneff S, Nigh G, Kyriakopoulos A, McCullough P. Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations: The role of G-quadruplexes, exosomes and microRNAs. Authorea (Preprint). 2022;Jan 21. doi: https://doi.org/10.22541/au.164276411.10570847/v1.
  47. Meyen M. Die Propaganda Matrix: Der Kampf für freie Medien entscheided über unsere Zukunft [The Propaganda Matrix: The Fight for Free Media Decides our Future]. München: Rubikon; 2021.
  48. Schwab K, Malleret T. COVID-19: The Great Reset. Cologny, Geneva: Forum Publishing; 2020.
  49. Walach H, Mutter J, Deth R. Inorganic mercury and Alzheimer’s disease – results of a review and a moluecular mechanism. In: Martin CR, Preedy VR, editors. Diet and Nutrition in Dementia and Cognitive Decline. London: Academic Press; 2015. p. 593-601.

Urpsprünglich hier veröffentlicht

SOSTIENICI

Sostieni le nostre future produzioni!

Puoi fare una donazione tramite bonifico bancario, paypal, criptovaluta.



FAI UNA DONAZIONE

SEGUICI

Unisciti alla community

Seguici sui tutti i nostri social media per essere sempre aggiornato!



Contenuto correlato

Lascia un commento