Analizzando l´emergenza democratica dalla quale non sembriamo uscire, Schreyer arriva dritto al tema della complicitá senza responsabili, preannunciando il soggetto caro a Giorgio Agamben e oggetto di uno dei suoi ultimi interventi.

PAUL SCHREYER, 16 settembre 2022 – Multipolar 

Bundeskanzler Scholz

Sempre più cittadini e ora anche politici locali chiedono in questi giorni l’apertura del Nord Stream 2 per evitare la prevedibile catastrofe nell’approvvigionamento energetico. Ma lo stop al gasdotto completato è irrevocabile per il governo Scholz. Sembra che si sia dimenticato che questo stop è stato deciso in un’azione notturna e senza alcuna procedura democratica, due giorni prima dello scoppio della guerra in Ucraina. Un breve esame basato su tre rapporti di agenzia del 22 febbraio 2022 chiarisce le circostanze di questa decisione:

    22 febbraio, 10:44: Putin si impegna a continuare tutte le forniture di gas – Nonostante l’escalation della crisi ucraina, il presidente russo Vladimir Putin si è impegnato a continuare le forniture di gas ai mercati mondiali senza interruzioni, secondo l’agenzia di stampa Tass.

    22 febbraio, 12:05: il governo tedesco blocca la certificazione del Nord Stream 2 – Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha deciso di sospendere la messa in servizio del gasdotto Nord Stream 2 nel Mar Baltico. Scholz ha dato l’annuncio a Berlino. Ha condannato la decisione del Presidente Vladimir Putin di riconoscere le autoproclamate Repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk come Stati indipendenti come una grave violazione del diritto internazionale.

    22 febbraio, 14:56: il governo degli Stati Uniti accoglie con favore lo stop al Nord Stream 2 – Il governo degli Stati Uniti ha accolto con favore la decisione della Germania di fermare temporaneamente il processo di approvazione del controverso gasdotto Nord Stream 2 nel Mar Baltico. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiarito che il gasdotto non potrà entrare in funzione in caso di attacco russo all’Ucraina, ha dichiarato la sua portavoce Jen Psaki su Twitter. “Ci siamo coordinati strettamente con la Germania nel corso della notte e accogliamo con favore l’annuncio”, ha scritto ancora.

C’è stato un dibattito sulla decisione di Scholz il 22 febbraio? C’è stato un voto democratico nelle commissioni o una discussione pubblica? Niente di tutto ció. Secondo il governo statunitense, la decisione di Scholz, che minaccia di rovinare l’approvvigionamento energetico della Germania a lungo termine, è stata presa “nel corso della notte” dal 21 al 22 febbraio, all´improvviso, al telefono, e da allora è stata presentata come irrevocabile.

E l´emergenza Covid-19: su quale base?

L’approccio ad altre decisioni fondamentali, come le misure anti-pandemiche e la vaccinazione di massa, non sembra diverso. Il 17 marzo 2020, l’Istituto Robert Koch (RKI), che dipende dal governo federale, ha dichiarato per la prima volta:

    “L’RKI valuta attualmente il rischio complessivo per la salute della popolazione tedesca come elevato”.

Fino al giorno precedente, il rischio era stato considerato solo “moderato”. Non è stata fornita alcuna motivazione per l’inasprimento. Il 16 e il 17 marzo, cioè prima e dopo l’inasprimento, l’RKI ha dichiarato apertamente che l’onere per il sistema sanitario potrebbe essere “localmente molto elevato” e che “si verificano anche casi di malattie mortali”. Secondo la RKI, il numero di casi mortali al 17 marzo 2020 era di 12, con un’età media di 83 anni.

La constatazione dell’RKI del 17 marzo era di ampia portata. Essa costituì la base di tutte le restrizioni statali alla libertà nei mesi e negli anni successivi. I tribunali si sono regolarmente scontrati con il “rischio elevato” dichiarato dall’RKI per respingere i reclami dei cittadini contro le misure in quanto ingiustificati. Si è instaurato lo “Stato Covid” dello stato di emergenza permanente.

Ma come ha fatto l’autorità a valutare l’innalzamento del livello di minaccia a “alto”? Quali argomenti sono stati soppesati? Quali commissioni e persone sono state coinvolte? Com’è stato il processo di discussione? Ce n’è stato uno? Tutte queste domande rimangono tuttora senza risposta – a parte frasi generiche. Multipolar ha quindi intentato una causa contro l’RKI presso il Tribunale amministrativo di Berlino alla fine del 2021, con lo scopo di ottenere informazioni sui verbali pertinenti l´unitá di crisi dell’autorità. La decisione del tribunale in merito è ancora in sospeso.

Vaccinazione per tutti: da dove nasce l’automatismo?

Infine, l’agenda della vaccinazione di massa è stata presentata dal governo federale il 15 aprile 2020, come di sfuggita, nella sottovoce 17 di un “protocollo di conferenza telefonica” presentata e annunciata cosí:

    “Raggiungere un’immunità tempestiva nella popolazione contro il SARS-CoV-2 senza un vaccino non è possibile senza sovraccaricare il sistema sanitario e rischiare molti decessi. Pertanto, lo sviluppo di vaccini è di importanza centrale. Il governo tedesco sostiene le aziende tedesche e le organizzazioni internazionali per far progredire lo sviluppo dei vaccini il più rapidamente possibile. Un vaccino è la chiave per tornare alla normale vita quotidiana. Non appena è disponibile un vaccino, è necessario che anche dosi sufficienti di vaccino siano messe a disposizione dell’intera popolazione nel più breve tempo possibile”.

Ciò che colpisce di questa formulazione è il tono dogmatico. Si è avuta l’impressione fuorviante che si trattasse di dichiarazioni del tutto incontestabili. Ma da chi è nata la proposta di vaccinazione di massa? Chi ne ha discusso e con chi? Quali procedure democratiche hanno preceduto la decisione? Anche su questo tema chiave le risposte rimangono ancora oggi oscure. Ancora una volta, l’azione del governo sembra avulsa dalle regole democratiche del gioco e, data l’entità del grave danno da vaccino, ha conseguenze imprevedibili per gli anni a venire.

Scomparsa della responsabilità

L’elemento essenziale del disaccoppiamento del governo descritto in questi tre esempi è che va di pari passo con la scomparsa della responsabilità e dell’obbligo di rendiconto. Tutti coloro che sono coinvolti nelle decisioni si considerano “non responsabili”, agendo come ingranaggi di un ingranaggio tecnocratico che oscura la visione del motore reale, il rispettivo impulso dietro le decisioni.

Questa estinzione della responsabilità va al cuore del problema. Lo Stato, inteso come comunità di cittadini (in contrasto con lo Stato come unità amministrativa sintetica e di facciata per l’applicazione di interessi corporativi), è legittimato solo da una responsabilità di funzionari e politici di primo piano. Quando questa responsabilità si dissolve, non solo l’accettazione pubblica dello Stato scompare a poco a poco, ma alla fine anche la sua legittimità.

“Delegittimazione dello Stato”

L’Ufficio federale per la protezione della Costituzione, con il suo nuovo campo di osservazione “Delegittimazione dello Stato” introdotto nel 2021, parte dal presupposto che questa delegittimazione è anticostituzionale e proviene da cittadini le cui “opinioni o azioni espresse pubblicamente vanno al di là di una protesta legittima” e mirano a “scuotere la fiducia nel sistema statale e compromettere la sua capacità di funzionare”. In questa analisi, l’Ufficio per la protezione della Costituzione trascura – e come agenzia governativa deve probabilmente trascurare – che il governo stesso mina la sua legittimità quando prende decisioni fondamentali che riguardano tutti i cittadini a lungo termine, in gran parte senza procedure democratiche, senza trasparenza e senza che i soggetti che agiscono siano responsabili, cioè che siano effettivamente chiamati a rispondere nella pratica e non siano coperti da altri organi costituzionali.

Dove nessuno è più responsabile, dove ogni politico e capo dell’autorità si nasconde dietro altri, dove i veri attori e promotori rimangono nascosti, lo Stato stesso finisce per diventare obsoleto, apparendo come un guscio vuoto che non serve ai cittadini, ma viene usato da altri attori influenti per i propri scopi.

Porre fine al descritto disaccoppiamento del governo, esigere responsabilità e ripristinarle sarebbe un prerequisito fondamentale per uno Stato funzionante che trovi riconoscimento. Dove questo non è più possibile, sono necessarie nuove forme di organizzazione della convivenza sociale, più democratiche e più eque. Il dibattito su questo tema è, purtroppo, ancora agli inizi.

Articolo in tedesco

Quanto è stato utile questo post?

Cliccate su una stella per valutarla!

Average rating 4.9 / 5. Vote count: 36

Nessun voto per ora! Sii il primo a valutare questo post.

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?