Miriam Reichel Interview

Miriam Reichel

Intervista

Tumore accelerato dovuto alla vaccinazione C

Dr. med. Ute Krüger & Miriam Reichel

Sono molto contenta di parlare oggi con la dottoressa Ute Krüger. Sei una specialista in patologia e un medico senior in un ospedale municipale in Svezia.

Molti malati di cancro sono incerti sugli effetti della vaccinazione anti-covid sul loro cancro. Finora, la maggior parte degli oncologi raccomanda la vaccinazione, anche se ancora non ci sono degli studi sui malati di cancro. Nei prossimi anni, sarà molto interessante vedere se la vaccinazione ha un impatto negativo sull’incidenza dei tumori nella popolazione.

Mi chiamo Miriam Reichel. Nel 2004 ho avuto un cancro, ero allo stadio terminale, ma nel 2005 sono completamente guarita. Ho scritto diversi libri sul tema del cancro e della guarigione. Di conseguenza, sono particolarmente interessata all’influenza dell’ambiente e della medicina sul cancro.

1) Vuoi dire qualcos’altro di te, cara Ute?

Sono molto felice di poterti parlare oggi, cara Miriam. Sono stata molto toccata dalla storia della tua vita, specialmente la guarigione dal cancro in fase terminale. Questo mi ha dimostrato ancora una volta che ci sono molte cose che noi medici convenzionali non sappiamo, e che dobbiamo essere molto più aperti, poiché c’è ancora un’incredibile quantità di ricerca da fare.

2) Il tasso di tumori in Europa è in continuo aumento. Nel 2020, il cancro al seno era al primo posto. La Germania ha 70,4 casi ogni 100.000. In Svezia il tasso è ancora più alto, 73,4. Il Belgio ha il maggior numero di casi di cancro al seno in Europa. Ora si sostiene spesso che il tasso di tumori potrebbe aumentare ulteriormente a causa della nuova vaccinazione anti-Covid.

Hai lavorato come patologa per 18 anni, principalmente nel campo del

cancro al seno. Ci sono stati dei cambiamenti di recente?

Per una migliore comprensione, vorrei prima spiegare il lavoro di un patologo. L’opinione diffusa, purtroppo anche tra alcuni professionisti medici, è che i patologi si occupino esclusivamente dell’autopsia di persone decedute.

Tuttavia, la principale occupazione di un patologo è quella di esaminare campioni di tessuto da pazienti viventi. Il risultato di questo esame pone poi le basi per la successiva terapia dei pazienti. Senza i patologi non ci sarebbe il trattamento dei tumori nel senso medico convenzionale.

E ora la vera domanda: se ho notato dei cambiamenti di recente?

Negli ultimi mesi mi sembra che i tumori al seno siano più grandi. Qui in Svezia c’è un programma di screening mammografico molto ben funzionante.

Le donne tra i 40 e i 74 anni hanno la possibilità di sottoporsi a regolari controlli radiologici per individuare i tumori al seno in uno stadio iniziale. Quindi era raro che i tumori nel mio materiale d’esame fossero più grandi di 3 cm. Ora vedo tumori che non di rado sono più grandi di 4 cm. Tumori di 5 cm, 6 cm, 10 cm e nell’ultima settimana anche di 16 cm, cioè che occupano tutto il seno, prima erano una rarità ma ora si trovano tra i miei materiali da esaminare.

Ho anche la sensazione che le pazienti siano più giovani. Ho esaminato 1500 casi di cancro al seno negli ultimi sei anni nel mio materiale di ricerca basato sulla popolazione, quindi ho un’idea di quanti anni hanno di solito le pazienti quando si ammalano di cancro al seno, non solo attraverso le quotidiane analisi di routine ma anche attraverso la ricerca. Recentemente, non è raro per me vedere casi di cancro al seno di pazienti nati negli anni ’70 e ’80 e occasionalmente negli anni ’90. Questo significa che sono pazienti dai 35 ai 50 anni.

Inoltre ho l’impressione che i tumori stiano crescendo in modo più aggressivo, cioè che siano meno differenziati. Vorrei illustrare questo con due immagini. Qui potete vedere una preparazione in sezione con un ingrandimento di 150x, cioè una sezione sottile di circa 4 micrometri del tessuto tumorale, che è stata colorata per renderla più facilmente visibile.

Qui si possono vedere associazioni simili a ghiandole, che spesso si verificano in casi di cancro al seno meglio differenziati. Nell’immagine successiva, si può vedere un tumore in crescita aggressiva – cioè nessuna associazione di tipo ghiandolare come nell’immagine precedente, ma spesso solido, cioè una crescita tumorale compatta. Le cellule hanno nuclei più grandi.

3) Si parla spesso del fattore KI-67 – una proteina usata per marcare le cellule che si stanno dividendo – e del fatto che ora c’è un fattore più alto del solito, quindi una crescita cellulare più veloce. Cosa rende la crescita rapida delle cellule così negativa e cosa hai potuto osservare in questo ambito?

Questo si adatta a ciò che è stato detto in precedenza. I tumori sembrano crescere in modo più aggressivo, le cellule si dividono più frequentemente. Vedo molte mitosi, cioè figure di divisione nucleare, nella preparazione in sezione, che ho segnato con delle frecce. Ki-67 è un anticorpo che colora le cellule che sono nella fase attiva del ciclo cellulare, per esempio anche nella fase della mitosi. Quindi, se molte cellule si dividono, molte cellule sono marcate con Ki-67.

Qui posso forse menzionare i problemi di un tumore a crescita aggressiva. I piccoli tumori a crescita più lenta vengono spesso rimossi chirurgicamente, cioè con un’operazione. Se i tumori sono più grandi, ci possono già essere metastasi linfonodali, cioè il tumore si è diffuso lontano dal sito effettivo di origine nel seno. In questo caso, il trattamento del tumore è spesso iniziato con la chemioterapia, un cosiddetto trattamento neoadiuvante. Solo dopo mesi di chemioterapia viene eseguita la chirurgia. L’operazione è solitamente seguita da una radioterapia del seno e/o dell’ascella.

4) Si parla di valori Ki-67 bassi e alti. Quali valori hai potuto osservare?

È importante sapere che circa 2/3 dei tumori al seno maligni sono meno proliferativi, cioè hanno un valore Ki-67 più basso, e circa 1/3 dei tumori al seno maligni sono altamente proliferativi, cioè hanno un valore Ki-67 più alto. Un tumore a crescita molto lenta, per esempio, mostra un valore Ki-67 del 10%. 

Ciò significa che il 10% delle cellule del tumore sono in divisione cellulare. Qui nella foto i nuclei delle cellule in colore marrone. Tutti gli altri nuclei cellulari, che sono debolmente colorati di blu, sono negativi per il Ki-67, cioè non in divisione cellulare.

I tumori a crescita più rapida hanno un valore Ki-67 significativamente più alto, per esempio il 35%. Qui, molte più cellule sono in divisione. Ho l’impressione ora di imbattermi più spesso in tumori che hanno valori di Ki-67 del 50 %, come nella foto qui, del 75 % o più. Questo significa che metà, 2/3 o anche di più delle cellule tumorali sono in divisione cellulare, il che significa che i tumori crescono molto rapidamente.

5) Più processi infiammatori sono percepiti come effetti collaterali dopo la vaccinazione. Conosciamo principalmente la miocardite e le malattie autoimmuni infiammatorie come la vasculite. I tumori di solito hanno la loro origine nei processi infiammatori. Questi processi potrebbero portare a più casi di cancro?

Non è da escludere.

Per esempio, c’è un rischio maggiore di cancro al seno nelle donne in sovrappeso. Una teoria è che la funzione alterata del tessuto adiposo e la morte delle cellule adipose porta a un basso livello di infiammazione cronica, che a sua volta promuove lo sviluppo di tumori.

Diventerà quindi chiaro nel corso dei prossimi anni quale influenza hanno queste malattie autoimmuni, cioè i cambiamenti infiammatori, che sembrano essere sorti dopo la vaccinazione, sullo sviluppo dei tumori.

6) Si sostiene spesso che il sistema immunitario reagisca in modo eccessivo a causa della vaccinazione e che aumentino anche le infiltrazioni di linfociti. Questo processo può avere un effetto su un tumore?

È strettamente legato alla domanda precedente. I linfociti appartengono al gruppo dei globuli bianchi che svolgono compiti specifici nella difesa contro gli agenti patogeni. In alcuni tumori maligni del seno, si trovano i cosiddetti linfociti infiltranti il tumore, cioè cellule infiammatorie nel tumore. Questo è un argomento che tratto nella mia ricerca. Qui ho esaminato i carcinomi del seno diagnosticati negli anni 1996-2014. È importante distinguere tra le cellule infiammatorie che stimolano la crescita del tumore e quelle che la inibiscono nel tumore. Le ricerche dei prossimi anni mostreranno quale influenza l’eccessiva reazione immunitaria apparentemente scatenata dalla vaccinazione abbia sulla crescita del tumore.

7) Il prestigioso New England Journal of Medicine ha riferito su esperimenti con vaccini a RNA contro SARS e MERS, che hanno dovuto essere interrotti perché gli esperimenti sugli animali hanno mostrato che c’era una grave reazione autoimmune con infiammazione del tessuto polmonare (1). Questo è stato attribuito a una reazione eccessiva delle cellule T-helper di tipo 2, che regolano la forza di una risposta immunitaria. Normalmente, le cellule T sono particolarmente efficaci sia contro le cellule infette che contro quelle anormali. Questo può portare il nostro sistema immunitario a non reagire più contro le cellule cancerogene?

Il sistema immunitario, cioè il nostro sistema di difesa del corpo, è molto complesso. Vorrei provare a spiegarlo in modo semplificato e poi rispondere alla tua domanda.

C’è la difesa non specifica, innata, e la difesa specifica, acquisita. L’interazione ottimale di questi due meccanismi di difesa ci mantiene sani. Ci protegge da agenti patogeni come batteri, virus e parassiti, ma anche dallo sviluppo del cancro, che è causato da un cambiamento difettoso nelle cellule del nostro stesso corpo.

La risposta immunitaria non specifica risponde prima all’invasione di un patogeno attivando granulociti, macrofagi e cellule dendritiche. Tutti questi sono fagociti. Sia le cellule dendritiche che i macrofagi scompongono l’agente patogeno al loro interno e ne presentano frammenti sulla loro superficie cellulare e circolano nel corpo. Poi entra in gioco la risposta immunitaria specifica.

Si mobilitano le cellule di difesa specifiche, i linfociti come specialisti delle forze di difesa umana. Attraverso l’interazione dei fagociti con le cellule T, le cellule killer (o cellule T citotossiche, come vengono chiamate correttamente) vengono attivate dalle cellule helper di tipo 1. Queste cellule killer eliminano le cellule infettate dall’agente patogeno o le cellule malate sviluppate in modo difettoso nel nostro corpo.

La funzione più importante delle cellule helper di tipo 2 che hai menzionato è quella di attivare le cellule B, cioè le cellule che producono anticorpi.

Se si verifica un’iperattivazione, si sviluppa una malattia autoimmune, come descritto nell’articolo citato nell’esperimento animale.

Se ci sono troppo poche cellule helper di tipo 2, si veda il quadro dell’AIDS, il corpo diventa suscettibile a numerose malattie.

Ora tornando alla tua vera domanda: se, per esempio, la funzione delle cellule killer è compromessa dall’iniezione di questi vaccini, facilitando così la crescita del cancro.

Tuttavia, il sistema immunitario è molto più complesso di quello che ho descritto, e non è ancora chiaro quali meccanismi possano essere coinvolti.

8) Ci sono anche osservazioni sul cambiamento della crescita tumorale nelle malattie tumorali esistenti?

Ho potuto osservare casi individuali in cui la vaccinazione contro il Covid-19 sembra aver portato a un cambiamento nell’aggressività del tumore. Una paziente con cancro al seno aveva metastasi note, cioè una diffusione del suo cancro al seno nel corpo, per molti anni. Poco dopo la vaccinazione contro il Covid-19, la crescita tumorale delle metastasi è esplosa nel fegato, ma non nello scheletro o in altri organi interni colpiti. Nella preparazione in sezione ho potuto vedere il tumore originale, a crescita relativamente lenta con un valore Ki-67 relativamente basso, ma in aggiunta una componente tumorale molto aggressiva con un valore Ki-67 molto alto.

Anche qui dobbiamo aspettare e raccogliere dati per poter trarre delle conclusioni.

9) Ho letto spesso il termine mutagenesi inserzionale in questo contesto. L’attivazione dei proto-oncogeni cellulari (2) è particolarmente temuta. I vaccini Corona potrebbero causare un’attivazione di oncogeni o una disattivazione di sequenze di DNA anticancerogene e quindi aumentare il rischio di tumore.(3)

Può spiegarmi questi termini? Questo potrebbe aumentare il rischio di cancro?

Non sono un genetista, ma l’inserimento è prima di tutto l’inserimento di un segmento di DNA nella sequenza del DNA (la sequenza è la sequenza degli elementi chimici di base del DNA). Il DNA contiene i geni di una cellula.

Nella mutagenesi inserzionale, una mutazione, cioè un cambiamento nel DNA, è indotta dall’inserimento di una o più coppie di basi. Questo è usato nella ricerca o può anche essere indotto naturalmente, per esempio dai virus.

I proto-oncogeni sono geni normali della cellula che controllano e moderano la crescita e la proliferazione cellulare. La mutazione, cioè l’alterazione del materiale genetico di un proto-oncogene, può trasformarlo in un oncogene. Gli oncogeni fanno sì che la regolazione dei geni non funzioni più e che si sviluppi il cancro.

In questo contesto a livello genetico, è anche importante menzionare che ricercatori svedesi sono stati in grado di determinare in vitro, cioè in esperimenti in un ambiente artificiale (PMCID: PMC8538446), che la proteina spike della SARS-CoV-2 compromette il meccanismo di riparazione del DNA. Se questo dovesse essere provato anche in vivo, cioè nell’organismo vivente, significherebbe che il meccanismo di riparazione del DNA sarebbe danneggiato dalle proteine spike e che il cancro potrebbe svilupparsi di conseguenza. Sarebbe terribile!

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere?

Sì, che ci trattiamo di nuovo con rispetto. Che riduciamo l’aggressività ascoltandoci di nuovo. E così l’amore entra di nuovo nella nostra vita.

Grazie cara Miriam e tanti saluti dalla Svezia al Sudafrica.

(1) Developing Covid-19 Vaccines at Pandemic Speed

(2) The past, current and future trends in DNA vaccine immunisations – ScienceDirect

(3) The past, current and future trends in DNA vaccine immunisations – ScienceDirect

Guarda il video

SOSTIENICI

Sostieni le nostre future produzioni!

Puoi fare una donazione tramite bonifico bancario, paypal, criptovaluta.



FAI UNA DONAZIONE

SEGUICI

Unisciti alla community

Seguici sui tutti i nostri social media per essere sempre aggiornato!



Contenuto correlato